ANTOLOGIA APERTA DELL'ACCESSIBILITA' 

* si consiglia  di chiudere la pagina dopo la consultazione, per evitare un eccesso di pagine aperte.

Pagina di dettaglio tecnico

?

LOCALI INTERNI: DISLIVELLI

ESIGENZE

I percorsi interni ai locali che ne consentono la vivibilità devono essere privi di discontinuità non superabili da persone con disabilità, in particolare se su sedia ruote.

SOLUZIONI

 

CRITERI ESSENZIALI

Prescrizioni

I criteri generali per l’accessibilità  possono essere desunti, per analogia, dalle norme concernenti i corridoiche sono virtualmente assimilabili ai percorsi necessari a svolgere le normali attività  all’interno dei locali:

  • non presentare gradini;
  • eventuali gradiniall’interno dei locali devono presentare un dislivello massimo di 2,5 cm;
  • dislivelli superior i a 2,5 cm all’interno dei locali devono essere superabili con rampe;

Ai criteri generali si aggiungono quelli particolari riportati nelle Linee guida specifiche, relative alle varie tipologie e funzioni dei locali.

 

 

 

NORME ITALIANE

D.M. 236/89

Art. 4.1.9 Percorsi orizzontali

Corridoi e passaggi devono presentare andamento quanto più possibile continuo e con variazioni di direzione ben evidenziate.
I corridoi non devono presentare variazioni di livello; in caso contrario queste devono essere superate mediante rampe.
 

Art. 8.1.2 Pavimenti

Qualora i pavimenti presentino un dislivello, questo non deve superare i 2,5 cm.

N.B.

A queste norme si aggiungono quelle particolari riportate nelle specifiche Linee guida, relative alle varie tipologie e funzioni dei locali. 

Ci stiamo lavorando: la vostra collaborazione sarà molto gradita.

 

Ci stiamo lavorando: vostre segnalazioni saranno molto gradite.

 

Ci stiamo lavorando: vostre segnalazioni saranno molto gradite.

Istituto del Marchio di  qualità Zerobarriere (IMZ) - P.za Carlo Marx, 5 - 06019 Umbertide (PG)