ANTOLOGIA APERTA DELL'ACCESSIBILITA' 

* si consiglia  di chiudere la pagina dopo la consultazione, per evitare un eccesso di pagine aperte.

Pagina di dettaglio tecnico

?

CORRIDOI:  DISIMPEGNI

ESIGENZE

Le persone con ridotte o impedite capacità motorie o sensoriali, in particolare su sedia a ruote, hanno difficoltà ad avanzare in modo scorrevole lungo segmenti di corridoi separati da porte.

SOLUZIONI

 

CRITERI ESSENZIALI

Raccomandazioni

Quando possibile, gli edifici dovrebbero essere privi di disimpegni, perché anche la porta più accessibile rappresenta una barriera per diverse persone e impedisce l’accesso a tutti gli utenti.

Però esistono circostanze che obbligano la presenza di separazioni, come per compartimentazioni rispetto al fuoco, per barriere acustiche, per motivi di sicurezza o privacy.

 

 

 

 

NORME ITALIANE

D.M. 236/89

Art. 4.1.1 Porte

… Occorre dimensionare adeguatamente gli spazi antistanti e retrostanti, con riferimento alle manovre da effettuare con la sedia a ruote, anche in rapporto al tipo di apertura.

… Per dimensioni, posizionamento e manovrabilità la porta deve essere tale da consentire una agevole apertura della/e ante da entrambi i lati di utilizzo; sono consigliabili porte scorrevoli o con anta a libro, mentre devono essere evitate le porte girevoli, a ritorno automatico non ritardato e quelle vetrate se non fornite di accorgimenti per la sicurezza.

Le porte vetrate devono essere facilmente individuabili mediante l'apposizione di opportuni segnali. Sono da preferire maniglie del tipo a leva opportunamente curvate ed arrotondate.

(Per le specifiche vedi 8.1.1)

Art. 8.1.1 Porte di accesso

La luce netta della porta di accesso di ogni edificio e di ogni unità immobiliare deve essere di almeno 80 cm.

La luce netta delle altre porte deve essere di almeno 75 cm.
Gli spazi antistanti e retrostanti la porta devono essere dimensionati nel rispetto dei minimi previsti negli schemi grafici di seguito riportati

   

FINESTRA SUL MONDO

Irlanda 2, p. 35 - 36

LOBBY INTERNE (DISIMPEGNI)

Quando possibile, gli edifici dovrebbero essere privi di disimpegni, perché anche la porta più accessibile rappresenta una barriera per diverse persone e impedisce l’accesso a tutti gli utenti. Però esistono circostanze che obbligano la presenza di separazioni, come per compartimentazioni rispetto al fuoco, per barriere acustiche, per motivi di sicurezza o privacy.

Dove sono necessari, i disimpegni dovrebbero essere abbastanza grandi da contenere il numero di persone che dovrebbero passare attraverso di esse in qualsiasi momento, con spazio sufficiente per consentire alle persone di allontanarsi da una porta prima di aprire la successiva e con porte e controlli adatti .

Le dimensioni sono quelle riportate nella figura 2.1.

La disposizione della lobby dovrebbe consentire alle persone di passare nella direzione opposta e fornire uno spazio sufficiente per la manovra. Anche in questo caso, la dimensione chiave è 1600 mm tra gli sbalzi delle porte.

La superficie del pavimento deve essere solida e livellata, a filo con la superficie negli spazi di circolazione su entrambi i lati. Potrebbe essere appropriato che la finitura del pavimento nella hall differisca da quella delle aree adiacenti.
Qualsiasi cambiamento nella finitura del pavimento dovrebbe avvenire sulla linea della porta. Pavimenti in moquette devono avere bordi saldamente fissati con strisce di raccordo alla soglia.

 

Ci stiamo lavorando: vostre segnalazioni saranno molto gradite.

 

Ci stiamo lavorando: vostre segnalazioni saranno molto gradite.

Istituto del Marchio di  qualità Zerobarriere (IMZ) - P.za Carlo Marx, 5 - 06019 Umbertide (PG)