ANTOLOGIA APERTA DELL'ACCESSIBILITA' 

* si consiglia  di chiudere la pagina dopo la consultazione, per evitare un eccesso di pagine aperte.

Pagina di dettaglio tecnico

?

COMFORT:  AREE DI RIPOSO

ESIGENZE 

 Nei casi in cui i percorsi pedonali comportino tragitti notevoli, è opportuno realizzare piazzole di riposo a intervalli adeguati alle pendenze, per consentire ai pedoni di riposare.

SOLUZIONI

 

CRITERI ESSENZIALI

Raccomandazioni

Nei casi in cui i percorsi pedonali comportino tragitti notevoli, è opportuno realizzare piazzole di riposo a intervalli adeguati alle pendenze, per consentire ai pedoni di riposare.

I punti di sosta devono essere dotati dello spazio per la sosta di una sedia a ruote e attrezzati con panchinecestini e fontanelle accessibili da persone su sedia a ruote, e appoggi ischiatici.

Le piazzole devono essere dotate di vegetazione e arredi, posti in modo da non costituire riduzione dello spazio libero del percorso pedonale.

 

 

 

NORME ITALIANE

 

Non risultano norme riferibili all'argomento.

 

FINESTRA SUL MONDO  

IMZ

PIAZZOLE DI RIPOSO

Nei casi in cui i percorsi pedonali e i parcheggi comportino la percorrenza di distanze notevoli, è opportuno realizzare piazzole di riposo a intervalli adeguati alle pendenze, per consentire ai pedoni di riposare.

Le piazzole devono essere dotate di vegetazione e arredi, posti in modo da non costituire riduzione della sagoma limite del percorso pedonale. È opportuno che gli arredi e gli elementi di servizio siano posti in linea e lungo un lato preferenziale del percorso, per facilitare la percezione dello spazio e l'individuazione di ogni elemento.

La fascia di percorso dedicata agli elementi di arredo è più facilmente percepibile e individuabile se realizzata con una pavimentazione di colore contrastante rispetto al percorso principale.

I punti di sosta devono essere dotati dello spazio per la sosta di una sedia a ruote e attrezzati con un cestino accessibile, una panchina e/o un appoggio ischiatico.

Almeno una parte dei punti di sosta deve essere posizionata all'ombra di alberi.

In analogia a quanto raccomandato dalla normativa per i parcheggi, è auspicabile dotare di coperture i percorsi pedonali, in particolare quelli con elevata intensità di utenti con disabilità (ospedali, istituti di riabilitazione, ambulatori …).

È opportuno che gli arredi, la vegetazione e gli elementi di servizio siano posti in linea, al di fuori dei percorsi e lungo un lato preferenziale, per facilitare la percezione dello spazio e l'individuazione di ogni elemento.

 

Singapore 2, p.146

DISTANZE CONSIGLIATE FRA LE AREE DI RIPOSO

È indicato un intervallo di 30 m tra un punto di sosta e un altro.

Si ritiene questa distanza eccessiva per la nostra realtà urbane.

 
IMZ

PANCHINE

Le panchine devono consentire di rialzarsi facilmente dalla posizione se­duta: la seduta, di circa 50 cm, deve essere a un'altezza minima da terra di 45 cm.

A fianco delle panchine deve essere prevista una piazzola di dimensioni minime di 1 x 1,20 m, per consentire lo stazionamento di una sedia a ruote o di una carrozzina.

Le panchine dovranno essere arretrate di almeno 60 cm rispetto al percorso, in modo da non costituire intralcio al passaggio dei pedoni.

Le panchine devono essere dotate di braccioli posti a un'altezza compresa tra 15 e 25 cm dalla seduta.

Le panchine utilizzate nel medesimo percorso devono essere dello stesso stile, in modo da essere facilmente riconoscibili e non creare confusione alle persone con disabilità visive.

Le panchine devono essere segnalate anche alle persone con disabilità visive, mediante pavimentazione tattile posta trasversalmente al senso di marcia con codice di “attenzione-servizio”, dello spessore orizzontale di 40 cm, o con un cambio di pavimentazione percepibile al tatto del medesimo spessore orizzontale.

Le panchine utilizzate nel medesimo percorso devono essere dello stesso stile, in modo da essere facilmente riconoscibili e non creare confusione alle persone con disabilità visive.

IMZ

CESTINI

Il cestino dovrà poter essere utilizzato da un’utenza allargata e me­diante l’impiego di una sola mano: i fori entro i quali gettare i rifiuti dovranno essere posti a un’altezza compresa tra 80 e 100 cm da terra.

I cestini devono essere segnalati anche alle persone con disabilità visive, mediante una pavimentazione tattile posta trasversalmente al senso di marcia, con codice di “attenzione-servizio” (ausili) o con un cambio di pavimentazione percepibile al tatto del medesimo spessore orizzontale.

I cestini devono avere una colorazione che contrasti con l'ambiente in cui sono inseriti e favorisca la loro individuazione anche alle persone con disabilità visive.

IMZ

FONTANE PER ACQUA POTABILE

Le fontane per acqua potabile devono essere utilizzabili da un'utenza allargata e consentire l'avvicinamento di una persona su sedia a ruote.

Lo spazio sottostante il rubinetto deve essere libero per la profondità necessaria ad accogliere le gambe di una persona su sedia a ruote. Nel caso in cui non sia possibile, si deve consentire l'accostamento laterale della persona su sedia a ruote, che deve poter accedere al getto d'acqua con facilità.

In corrispondenza delle fontane deve essere previsto uno spazio di manovra di almeno 0,90 x 1,20 m per consentire l'accesso anche alle persone su sedia a ruote.

Il rubinetto principale deve essere posto a un'altezza di almeno 90 cm, misurati da terra fino al punto di emissione dell'acqua.

Il rubinetto accessibile ai bambini deve essere posto a un'altezza di circa 75 cm.

Nel caso in cui si preveda un getto di acqua verticale, questo deve essere di almeno 10 cm, in modo da consentire almeno il riempimento di un bicchiere.

Si devono evitare ristagni di acqua e zone fangose. Si consiglia una pavimentazione drenante o dotata di griglia di scarico intorno alla fontana.

La forma consigliata per una fontana accessibile è a “L” rovescia, con due diverse altezze di bevuta: uno spazio libero sotto­stante di 70/75 cm per quella più alta e di 40/50 cm per la più bassa.

La fontana e lo spazio di manovra a essa dedicato devono essere posizionati esternamente al percorso, in modo da non costituire intralcio al passaggio dei pedoni.

I rubinetti devono essere posizionati in modo che non possano essere accessibili agli animali. Si consiglia la predisposizione di un piatto di raccolta dell'acqua molto basso che consenta agli animali di bere. In questo modo gli animali sono scoraggiati all'uso dei rubinetti per adulti e bambini. 

Le fontane devono essere segnalate anche alle persone con disabilità visive. Esse devono essere segnalate mediante una pavimentazione tattile posta trasversalmente al senso di marcia con codice di “attenzione-servizio” (ausili) o con un cambio di pavimentazione percepibile al tatto; devono avere una colorazione che contrasti con l'ambiente in cui sono inserite.

IMZ

APPOGGI ISCHIATICI

L'appoggio ischiatico fornisce un sostegno alle persone con problemi di mobilità che si siedono e si rialzano con fatica. Rispetto ai comuni sistemi di seduta, quali panchine e sedili, la di­mensione del piano di appoggio è di circa 30 cm e questo ne per­mette l’installazione in spazi di limitate dimensioni.

L’appoggio ischiatico deve consentire alla persona di appoggiare il bacino a un’altezza di circa 65 cm.

Gli appoggi ischiatici devono essere segnalati anche alle persone con disabilità visive, mediante una pavimentazione tattile posta trasversalmente al senso di marcia, con codice di “attenzione-servizio” o con un cambio di pavimentazione percepibile al tatto; per lo stesso fine, devono anche avere una colorazione che contrasti con l'ambiente in cui sono inseriti.

 

Ci stiamo lavorando: vostre segnalazioni saranno molto gradite.

 

Ci stiamo lavorando: vostre segnalazioni saranno molto gradite.

Istituto del Marchio di  qualità Zerobarriere (IMZ) - P.za Carlo Marx, 5 - 06019 Umbertide (PG)