ANTOLOGIA APERTA DELL'ACCESSIBILITA' 

* si consiglia  di chiudere la pagina dopo la consultazione, per evitare un eccesso di pagine aperte.

Pagina di dettaglio tecnico

?

SICUREZZA: SISTEMI DI EMERGENZA E REAZIONE

ESIGENZE 

In presenza di emergenze, è decisiva la predisposizione di procedure efficaci, sperimentate e verificate per fronteggiare le reazioni caotiche delle folle in panico. 

SOLUZIONI

 

CRITERI ESSENZIALI

Raccomandazioni

Oltre alla  pianificazione dell’accessibilità, è indispensabile che l’ evacuazione, il primo soccorso e le procedure di emergenza tengano in considerazione i bisogni specifici delle persone con disabilità:

  • ausili per orientarsi, non solo per le persone con visione ridotta, ma anche per quelle con disturbi della percezione dei colori o con perdita dell’udito (allarme con mezzi visivi e acustici)
  • allarmi antincendio e estintori installati a un’altezza accessibile
  • procedure di emergenza e mappe delle vie di esodo facilmente leggibili, collocate in basso e distribuite in tutto lo stadio.
  • formazione del personale dello stadio e delle squadre di soccorso, per facilitare l’evacuazione in sicurezza delle persone con  disabilità
  • più di una via di accesso e di esodo a disposizione delle persone con disabilità deambulatorie
 

 

 

 

NORME UEFA-CAFE PER L'IMPIANTISTICA SPORTIVA

ACCESSIBILITA' PER TUTTI

L:2  Sistemi di emergenza e reazione p.94

Gli autori di questa pubblicazione desiderano sottolineare l’importanza di richiedere la consulenza di un esperto locale sui sistemi di sicurezza e sui sistemi di emergenza e reazione. Le informazioni qui fornite sono da intendersi solo come riferimento. A livello locale, possono essere applicati differenti regolamenti, normative e disposizioni.

La chiave per avere dei servizi di emergenza accessibili è la pianificazione. Gli amministratori degli stadi devono essere consapevoli dell’incremento costante del numero di persone con DISABILITÀ attive nella comunità e quindi presenti presso il loro stadio nelle giornate di gara. Devono inoltre garantire che tutti i piani di emergenza includano un’analisi che valuti come servire al meglio le persone con e senza DISABILITÀ.

Come la buona pianificazione dell’accessibilità, anche la corretta evacuazione, il primo soccorso e le procedure di emergenza devono tenere in considerazione i bisogni specifici delle persone con DISABILITÀ. Tuttavia, le misure che aiutano le persone a orientarsi, specialmente in un ambiente non familiare, sono essenziali per tutti, non solo per le persone con visione ridotta, per quelle con disturbi della percezione dei colori o con perdita dell’udito. Non è necessariamente scontato che una persona con ipoacusia sia completamente insensibile ai suoni; molte persone hanno una sensibilità sufficiente a percepire i segnali di allarme acustici convenzionali e tale da non richiedere alcuna misura speciale. Nella maggior parte dei casi, è da considerarsi ragionevole per le persone con ipoacusia e sorde affidarsi agli altri spettatori e al personale per gli allarmi di emergenza.

Tuttavia, deve essere preso in considerazione un allarme antincendio visivo o un sistema di allarme intermittente, operante in congiunzione con i segnali acustici. Questo sistema deve, in particolare, essere ben visibile nei locali e nelle cabine dei servizi igienici e di fronte agli ascensori in tutto lo stadio. Ove possibile, le informazioni di sicurezza e di emergenza devono essere comunicate anche sui tabelloni e sugli schermi di tutto lo stadio. Mezzi alternativi per dare l’allarme includono i sistemi cercapersone, i dispositivi vibranti e i segnali sonori trasmessi all’interno di bande di frequenza accuratamente selezionate.

Gli allarmi antincendio e gli estintori devono essere installati a un’altezza accessibile, in modo da permettere a tutti, incluse le persone su sedia a rotelle, di raggiungerli in caso di emergenza. Inoltre, le procedure di emergenza e le mappe delle vie di esodo devono essere facilmente leggibili, essere collocate in basso e distribuite in tutto lo stadio.

Il personale dello stadio deve essere formato per facilitare l’evacuazione in sicurezza delle persone con  DISABILITÀ in caso di emergenza e le squadre di soccorso devono essere consapevoli delle comuni condizioni e questioni di salute affrontate dalle persone con DISABILITA’, per garantire loro la reazione adeguata.

Le persone con DISABILITA’ deambulatorie devono disporre della scelta di più di una via di accesso e di esodo.

Inoltre, si devono mettere a disposizione attrezzature speciali per agevolare la loro evacuazione. Le misure di sicurezza, ovviamente, sono una parte fondamentale della gestione dello stadio. Tuttavia, non devono essere messe in atto in modo da imporre restrizioni eccessive alle persone con DISABILITA’. Come spiegato in altre sezioni di questo documento, una progettazione accessibile deve significare che gli spettatori con DISABILITA’ possano essere ospitati a tutti i livelli dello stadio (non solo nel parterre), senza compromettere la loro sicurezza o quella degli altri.

 

 

Ci stiamo lavorando: la vostra collaborazione sarà molto gradita.

 

Ci stiamo lavorando: vostre segnalazioni saranno molto gradite.

 

Ci stiamo lavorando: vostre segnalazioni saranno molto gradite.

Istituto del Marchio di  qualità Zerobarriere (IMZ) - P.za Carlo Marx, 5 - 06019 Umbertide (PG)