ANTOLOGIA APERTA DELL'ACCESSIBILITA' 

* si consiglia  di chiudere la pagina dopo la consultazione, per evitare un eccesso di pagine aperte.

Pagina di dettaglio tecnico

?

SICUREZZA: ASCENSORI DI EVACUAZIONE

ESIGENZE     

In edifici con elevata presenza di pubblico, le persone con disabilità devono poter accedere, possibilmente in modo autonomo, a un ascensore di evacuazione in caso di incendio.

SOLUZIONI

 

CRITERI ESSENZIALI

Prescrizioni

A differenza di un normale ascensore per passeggeri, è essenziale che un ascensore usato come mezzo di evacuazione per le persone con disabilità possa continuare a funzionare con un grado di sicurezza accettabile in caso di incendio.

Deve essere disponibile anche l’accesso a una scala di sicurezza, che possa consentire alle persone su sedia a ruote di essere trasportate in caso di necessità.

L’alimentazione deve derivare da una linea preferenziale.

La persona che vi si rifugia deve poter accedere a sistemi di comunicazione con i soccorritori 

 

 

 

 

NORME ITALIANE

D.M. 15 settembre 2005 (G.U. n. 232 del 5/10/2005)

Prevenzione incendi per i vani degli impianti di sollevamento

Vista la complessità e delicatezza dell’argomento, si rinvia direttamente al testo integrale del  D.M. 15 settembre 2005 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per i vani degli impianti di sollevamento ubicati nelle attività soggette ai controlli di prevenzione incendi.


NORME UEFA-CAFE PER L'IMPIANTISTICA SPORTIVA

ACCESSIBILITA' PER TUTTI

Ascensori di evacuazione  p.96

Un normale ascensore per passeggeri può essere utilizzato in caso di evacuazioni di emergenza solo se è provvisto delle garanzie richieste per un ascensore di evacuazione. In uno stadio, un ascensore di evacuazione rappresenta una necessità pratica per garantire una rapida fuga alle persone con DISABILITA’, in particolare a quelle su sedia a rotelle.

A differenza di un normale ascensore per passeggeri, è essenziale che un ascensore usato come mezzo di evacuazione per le persone con disabilità possa continuare a funzionare con un grado di sicurezza accettabile in caso di incendio. Ciò è possibile solo se si applicano i dovuti dispositivi di sicurezza alla progettazione dell’ascensore e alla costruzione del vano ascensore. Nonostante tali dispositivi, un ascensore potrebbe comunque non funzionare, quindi è fondamentale che, dopo aver raggiunto un rifugio con un ascensore di evacuazione, una persona con disabilità possa, in ultima istanza, anche accedere a una scalinata, qualora le condizioni del rifugio diventassero insostenibili. Pertanto, tutti gli ascensori di evacuazione e i rifugi corrispondenti devono anche fornire accesso a una scala di sicurezza, che possa consentire alle persone su sedia a rotelle di essere trasportate in caso di necessità (maggiori informazioni sulle scale di sicurezza seguono in questo capitolo).

Anche un ascensore antincendio (destinato principalmente all’uso da parte dei vigili del fuoco) può essere usato per evacuare persone con disabilità. L’amministratore dello stadio potrebbe disporre l’inizio dell’evacuazione assumendo il controllo di questi ascensori fino all’arrivo dei vigili del fuoco, che potrebbero poi continuare l’evacuazione di tutte le persone con disabilità ancora presenti nei locali. Tali ascensori devono essere conformi alle normative di sicurezza e di emergenza locali e devono soddisfare i requisiti per gli ascensori di evacuazione. Inoltre, è essenziale mantenere i contatti con l’autorità di sicurezza antincendio competente per coordinare le procedure per l’utilizzo di un ascensore antincendio ai fini dell’evacuazione.

Tutti gli impianti destinati a essere utilizzati come ascensori di evacuazione devono essere chiaramente indicati come tali, con segnaletica a ogni livello.

Un ascensore di evacuazione deve essere collocato all’interno di un’area protetta o di un rifugio costituito dal vano ascensore stesso e da un atrio protetto per ogni piano servito da un ascensore. Come accennato, il rifugio protetto deve contenere anche una scala protetta (scala di sicurezza).

Fatta eccezione per gli ascensori che servono solo due piani, gli ascensori di evacuazione devono contenere un interruttore che li porti all’uscita finale (di solito il piano terra), che isola i pulsanti di chiamata e permette a una persona autorizzata di assumere il controllo.

L’alimentazione elettrica primaria deve derivare da un sub-circuito principale a servizio esclusivo di tale ascensore [linea preferenziale]. Esso deve anche avere una fornitura secondaria da un generatore indipendente principale o di emergenza e un interruttore automatico per passare dall’uno all’altro.  Qualsiasi sottostazione elettrica, quadro di distribuzione o generatore che alimenta l’ascensore, deve essere in grado di sopportare gli effetti di un incendio almeno quanto il vano ascensore stesso.

FINESTRA SUL MONDO

Irlanda 3, p. 42

Ascensore di evacuazione

Alcuni ascensori sono progettati per essere sicuri per l'evacuazione in caso di incendio o altra emergenza. Questi sollevatori sono particolarmente utili per garantire un'evacuazione sicura, indipendente e dignitosa degli utenti di sedie a rotelle, persone con altre difficoltà di mobilità e quelli che possono avere difficoltà di resistenza o di equilibrio come i bambini, gli anziani e le donne incinte.

I sollevatori di evacuazione devono essere racchiusi in un involucro resistente al fuoco e avere un'alimentazione elettrica indipendente. L'involucro antincendio dovrebbe includere la zona prospiciente all’uscita o i disimpegni protetti ad ogni piano servito dall'ascensore e fino alla porta verso l’esterno al livello dell'uscita.

 

 

Ci stiamo lavorando: vostre segnalazioni saranno molto gradite.

 

Ci stiamo lavorando: vostre segnalazioni saranno molto gradite.

Istituto del Marchio di  qualità Zerobarriere (IMZ) - P.za Carlo Marx, 5 - 06019 Umbertide (PG)