ANTOLOGIA APERTA DELL'ACCESSIBILITA' 

* si consiglia  di chiudere la pagina dopo la consultazione, per evitare un eccesso di pagine aperte.

Pagina di dettaglio tecnico

?

SERVIZI IGIENICI -> ACCESSO

ESIGENZE

Le persone con disabilità debbono essere messe in grado di accedere ai servizi igienici in modo agevole, sicuro e confortevole.

SOLUZIONI

CRITERI ESSENZIALI

 

​Prescrizioni

Il servizio igienico deve essere accessibile attraverso un percorso agevolmente fruibile anche da parte di persone con ridotte o impedite capacità motorie o sensoriali (DM 236/89, Art. 3.2).

L’accesso al servizio igienico deve essere caratterizzato da:

  • assenza di dislivelli
  • porta che rispetti specifici requisiti:
  • preferibilmente del tipo scorrevole o che apre verso l'esterno (DM 236/89, Art. 4.1.6)
  • caratterizzata dai parametri riportati nella seguente tabella (DM 236/89, Art.  8.1.1).
 

COMPONENTE: PORTE

Parametro

Misura minima

Misura massima

Porte interne

Luce netta in larghezza

75 cm

 

Tutte le porte Luce netta in altezza 210 cm  

Anta mobile

Larghezza

120 cm

 

Anta mobile

Pressione di apertura

 

8 kg

Eventuali vetri

Altezza da terra

40 cm

 

Maniglie

Altezza da terra

85 cm

95 cm

 

Informazioni generali sono riportate nel modulo "PORTE" della Linea Guida “Circolazione orizzontalr

 

Raccomandazioni  

Le porte che si aprono verso l'esterno devono essere dotate di un corrimano orizzontale all'interno per permettere alla persona di chiudere la porta dietro di sé una volta entrata.

Per motivi di sicurezza, è imperativo che le porte che si aprono verso l'esterno non si proiettino in un corridoio ed, in particolare, in una via di fuga di emergenza.

Le porte devono essere facilmente apribili in caso di emergenza

 

Segnalazione

In altri Paesi si raccomanda una larghezza libera della porta, nella posizione completamente aperta, pari ad almeno 90 cm (rispetto a 75 cm della norma italiana ).

 

 

 NORME ITALIANE

D.M. 236/89

Art. 4.1.1 Porte

Le porte di accesso di ogni unità ambientale devono essere facilmente manovrabili, di tipo e luce netta tali da consentire un agevole transito anche da parte di persona su sedia a ruote; il vano della porta e gli spazi antistanti e retrostanti devono essere complanari.

Occorre dimensionare adeguatamente gli spazi antistanti e retrostanti, con riferimento alle manovre da effettuare con la sedia a ruote, anche in rapporto al tipo di apertura.

Sono ammessi dislivelli in corrispondenza del vano della porta di accesso di una unità immobiliare, ovvero negli interventi di ristrutturazione, purché questi siano contenuti e tali comunque da non ostacolare il transito di una persona su sedia a ruote.

Per dimensioni, posizionamento e manovrabilità la porta deve essere tale da consentire una agevole apertura della/e ante da entrambi i lati di utilizzo; sono consigliabili porte scorrevoli o con anta a libro, mentre devono essere evitate le porte girevoli, a ritorno automatico non ritardato e quelle vetrate se non fornite di accorgimenti per la sicurezza.

Le porte vetrate devono essere facilmente individuabili mediante l'apposizione di opportuni segnali. Sono da preferire maniglie del tipo a leva opportunamente curvate ed arrotondate.

Art. 4.1.3 Infissi esterni

Le  porte,  le  finestre e le porte-finestre devono essere facilmente utilizzabili  anche  da  persone  con  ridotte  o  impedite capacità motorie o sensoriali.

I   meccanismi  di  apertura  e  chiusura  devono  essere  facilmente manovrabili e percepibili e le parti mobili devono poter essere usate esercitando una lieve pressione.

Ove  possibile  si  deve  dare  preferenza a finestre e parapetti che consentono  la  visuale anche alla persona seduta. Si devono comunque garantire  i  requisiti  di sicurezza e protezione dalle cadute verso l'esterno.

Art. 4.1.6 Servizi igienici

…  Si  deve  dare  preferenza  … a  porte scorrevoli o che aprono verso l'esterno

Art. 8.1.1 Porte di accesso

La luce netta della porta di accesso di ogni edificio e di ogni unità immobiliare deve essere di almeno 80 cm.
La luce netta delle altre porte deve essere di almeno 75 cm.
Gli spazi antistanti e retrostanti la porta devono essere dimensionati nel rispetto dei minimi previsti negli schemi grafici di seguito riportati.

L'altezza delle maniglie deve essere compresa tra 85 e 95 cm (consigliata 90 cm).
Devono inoltre, essere preferite soluzioni per le quali le singole ante delle porte non abbiano larghezza superiore ai 120 cm, e gli eventuali vetri siano collocati ad una altezza di almeno 40 cm. dal piano del pavimento.
L'anta mobile deve poter essere usata esercitando una pressione non superiore a 8 Kg.

FINESTRA SUL MONDO

Irlanda 5, pp.81 - 84

Le porte dei servizi igienici accessibili, delle docce e dei bagni dovrebbero fornire un'apertura netta di almeno 950 mm.

La porta dovrebbe generalmente aprirsi verso l'esterno in modo tale che:

  • la sua apertura non intralci la rotazione all'interno dello locale

  • possa essere aperta facilmente in caso di emergenza se una persona caduta all'interno della stanza ne impedisca l’apertura.

Le porte che si aprono verso l'esterno dovrebbero essere dotate di un corrimano orizzontale all'interno per consentire a una persona di chiudere la porta dietro di sé quando entra nella stanza.

Per motivi di sicurezza, è imperativo che le porte che si aprono verso l'esterno non si proiettino in un percorso, in particolare una via di fuga di emergenza.

Se un WC, una doccia o un bagno accessibili sono sufficientemente grandi, potrebbe essere accettabile fornire una porta che si apre verso l'interno. In questo caso, la rotazione della porta non deve interferire con la rotazione della carrozzina o l'area di trasferimento. Una porta che si apre verso l'interno dovrebbe essere dotata di un meccanismo di sblocco di emergenza per consentire l'apertura della porta verso l'esterno nel caso in cui, ad esempio, una persona cada contro la porta chiusa. [Una piastra metallica come nellafigura a lato, tratta da Singapore 2 Universal design pag.190, può rappresentare un esempio.]

In circostanze eccezionali in cui lo spazio è limitato negli edifici esistenti, è possibile utilizzare una porta scorrevole per mantenere le dimensioni raccomandate del vano WC accessibile. Si consiglia di utilizzare una porta scorrevole dritta a una sola anta con un'apertura netta consigliata di 950 mm. I maniglioni verticali devono essere fornite su entrambi i lati della porta e le guide devono essere incassate nel pavimento. Va notato che le porte scorrevoli offrono una privacy acustica inferiore rispetto alle porte a battente con nucleo solido. Le porte scorrevoli sono anche più difficili da azionare delle porte a battente grazie all'azione di spinta / trazione laterale richiesta.

 

 

 

 

Le maniglie devono essere facili da azionare con una mano e senza l'uso di movimenti sofisticati; devono essere posizionate da 800 a 1000 mm sopra il livello del pavimento. 

Le maniglie dovrebbero incorporare un meccanismo per indicare se il servizio è occupato o meno. Ciò dovrebbe comprendere le parole "libero" e "occupato" di colori diversi. Gli indicatori che offrono solo un cambio di colore dovrebbero essere evitati in quanto sono difficili da interpretare per alcune persone. È un errore comune che le serrature siano dotate degli indicatori nella posizione opposta, che mostrano "occupato" quando in realtà il locale è vuoto e viceversa. Ciò può causare confusione e ritardi non necessari nelle toilette occupate.

 

Le porte a apertura totale (vedere la Figura 5.20) potrebbero essere considerate come un mezzo per massimizzare la larghezza di apertura della porta. Queste cerniere allineano l'anta con i montanti del telaio fisso quando è aperta a 90 gradi, aumentando così la larghezza di apertura dello spessore della porta. Questo tipo di cerniera posiziona l'anta e, di conseguenza, il corrimano orizzontale e le altre maniglie, più lontano dall'apertura e dalla persona che manovra la porta, il che potrebbe essere uno svantaggio. In tali circostanze, il corrimano orizzontale potrebbe dover essere posizionato vicino al lato cerniera dell'anta. Le porte a apertura totale, a causa delle loro dimensioni e forma, sporgono dall'anta e dalla cornice sul lato di apertura della porta; pertanto, dovrebbero essere prese in considerazione solo dove non c'è possibilità che una persona colpisca la parte sporgente della cerniera, ad esempio dove la porta è accostata in direzione laterale.

Le maniglie delle porte devono essere di tipo a leva, in quanto sono più facili da manovrare per le persone con ridotta manualità.

Non utilizzare mai le maniglie a manopola ruotante poiché per molte persone sono molto difficili da impugnare e far funzionare.

Le maniglie a trazione dovrebbero essere evitate a meno che non siano complementari alle maniglie a leva poiché sono difficili da afferrare e tirare mentre si aziona il meccanismo di blocco.

Da Singapore universal design, pp. 93 – 97

La porta, sebbene indispensabile in una toilette, può rappresentare l'ostacolo più grande, specialmente per persone su sedia a ruote. Pertanto, è necessario installare porte che consentano agli utenti di aprirsi con facilità, senza ostacolare gli altri utenti.

Si raccomanda una larghezza libera della porta di almeno 90 cm rispetto a 75 cm della norma italiana quando è nella posizione completamente aperta.

Esistono due tipi di aperture:

  • a cerniera
  • a scorrere

Esiste l’alternativa, quando possibile, di progettare un ingresso senza porte, in grado tuttavia di fornire agli utenti privacy.

Anche nella Linea guida Irlanda 5, p.13,14, si prospettano servizi igienici senza porte.

  • Gli accessi senza porte ai bagni e alle aree di cambio comuni sono intrinsecamente più accessibili e facili da usare rispetto alle porte ad accesso singolo o con avambagno. Gli avambagni dovrebbero essere utilizzati solo dove specificamente richiesto dai regolamenti edilizi. Laddove si utilizzino disposizioni senza porte, la privacy può essere salvaguardata dal posizionamento appropriato di schermi o pareti.

 

Ci stiamo lavorando: vostre segnalazioni saranno molto gradite.

 

Ci stiamo lavorando: vostre segnalazioni saranno molto gradite.

Istituto del Marchio di  qualità Zerobarriere (IMZ) - P.za Carlo Marx, 5 - 06019 Umbertide (PG)